The Royal Gems Dream Arena
La replica di Augusta e non solo…

Avatar by

Il Royal Gems Golf City è considerato il primo campo “replica” dell’Asia e non è da confondere con il Royal Gems Golf Club, che si trova sul lato opposto della città di Bangkok.

La Thailandia è anche nota per aver copiato molte cose, ma questa operazione è semplicemente straordinaria.

I lavori di costruzione sono stati ultimati nel 2011, ma poco dopo l’inaugurazione la struttura ha subito una forte inondazione durante il mese di Dicembre. Alcune buche sono state riviste ed il Club ha poi riaperto durante l’anno successivo.

Le prime nove sono una combinazione di alcune iconiche buche di altrettanti meravigliosi campi da golf del mondo (TPC Sawgrass, St. Andrews, Oakmont, Winged Foot, etc.) e le seconde nove sono invece un’autentica replica delle seconde dell’Augusta National. Il terreno che è stato scelto era totalmente pianeggiante, ma sono stati movimentati migliaia di metri cubi di terra per ricreare colline ed avvallamenti cercando di riprodurre fedelmente le caratteristiche delle varie buche che sono state realmente clonate. Le grandi differenze tra questa replica e l’Augusta National sono le dimensioni delle piante, che stanno comunque crescendo, e la velocità dei green. I giocatori potranno godersi l’atmosfera del tutto simile ad Augusta una volta che saranno cresciuti gli alberi.

La caratteristica di avere ondulazioni e cambi di pendenza rende il Royal Gems Golf City assolutamente insolito rispetto agli altri percorsi intorno a Bangkok.

Le prime nove buche, ognuna replica di famosissime altre, sono così ben collegate e combinate che sembra quasi di essere su un campo perfettamente progettato ad hoc.
La vera sorpresa è quando si affrontano le seconde. A differenza delle prime nove, qui i dislivelli diventano notevoli. È bello vedere che, nel tentativo di copiare Augusta, hanno spostato tonnellate di terra per riprodurre anche i pendii delle buce ed il disegno dei limiti del perimetro del percorso, dalla discesa verso il green della 10 passando da quella della 13 e finendo sulla la salita del tee shot della 18.
Scendere per la 11 e vedere l’Amen Corner è qualcosa di speciale. Il lavoro è stato fatto in modo eccezionale.

Vediamo come sono distribuite le buche al Royal Gems Golf City:

IL PERCORSO

Buca 1 – Oakmont Country Club #3

Buca 2 – Bay Hill Club & Lodge #6

Buca 3 – TPC Sawgrass – Stadium Course #17

Buca 4 – Trump Doral – Blue Monster #18

Buca 5 –Royal Troon – Old Course #8

Buca 6 – St Andrews – Old Course #17

Buca 7 – Bethpage State Park – Black Course #4

Buca 8 – Winged Foot Golf Club #10

Buca 9 – The Belfry Golf Club – The Brabazon Course #10

Buche 10-18 – Augusta National tutte le seconde nove buche nel medesimo ordine

Condividi:

You may also like