Golf, sport di distanziamento sociale,
e i suoi record nell’estate americana

Avatar by

I ricordi di quei primi nebbiosi giorni dell’inizio della pandemia quando gli addetti alla manutenzione dei campi da golf toglievano le aste delle bandiere, parcheggiavano i golf car e chiudevano i pro shop sembrano ormai lontani. Per molti il golf è visto solo come un divertimento e poiché il nuovo coronavirus era una minaccia poco conosciuta, nessuno nel settore sapeva quando sarebbe stato sicuro per i golfisti tornare sul campo o chi sarebbe tornato quando lo fosse stato.

“Stiamo parlando di un settore che vale 85 miliardi di dollari che ha praticamente chiuso i battenti”, ha affermato Suzy Whaley, presidente di PGA of America, che rappresenta oltre 29.000 professionisti del golf negli Stati Uniti e gestisce inoltre il PGA Championship e la Ryder Cup. “Abbiamo subito capito che dovevamo trovare alcune soluzioni per i nostri associati”.

Tutto il sistema e l’industria del golf uniti insieme hanno fatto pressioni sui legislatori, hanno lavorato con i centri di controllo e prevenzione per sviluppare regole e linee guida adeguate e poi hanno agito per fare in modo che la vasta rete nazionale dei 14.500 campi da golf potesse riaprire in sicurezza.

Ora, dopo essere sopravvissuta alla primavera, l’industria del golf americano è fiorente, ed è appena uscita da un periodo di attività frenetica senza precedenti.

I golfisti hanno giocato 10 milioni di giri in più a luglio rispetto a un anno fa, con un aumento del 20%. È il più grande aumento registrato da quando 20 anni fa Golf Datatech, la principale società di ricerche di mercato dello sport, ha iniziato a monitorare i numeri mensili. Il gioco è aumentato del 14% su base annua a giugno e del 6% a maggio.

Sebbene gli analisti affermino che durante i mesi di Marzo, Aprile e Maggio sono stati persi circa 20 milioni di giri, l’estate, con i precorsi pieni, ha più che compensato quel deficit e il totale dei giri è aumentato del 3% rispetto allo scorso anno.

Anche le vendite di attrezzatura sono in forte crescita ed hanno raggiunto 388,6 milioni di dollari a luglio, il mese più alto registrato da Golf Datatech da quando ha iniziato a monitorare le vendite al dettaglio nel 1997.

Si tratta di un’inversione di tendenza per l’intero settore e se le condizioni meteorologiche lo consentiranno, la pandemia potrebbe solo aiutare questo boom del golf a durare più a lungo in autunno. Gli addetti al settore confermano che il gioco del golf è particolarmente adatto per la vita durante la pandemia in quanto offre spazi aperti, esercizio fisico, una tanto necessaria distrazione ed il distanziamento sociale a chi lo pratica.

“Penso che non sia solo fisico, ma anche un grande sollievo mentale uscire e trascorrere quattro ore a camminare sul campo”, ha detto Greg McLaughlin, amministratore delegato della World Golf Foundation.

A metà Marzo, la maggior parte delle organizzazioni più influenti del golf, tra cui la World Golf Foundation, il PGA Tour, PGA of America, USGA e LPGA Tour, si sono unite per formare Back2Golf. Mettendo insieme le proprie risorse, hanno contattato i governatori di tutti i 50 stati per mantenere aperti i campi sostenendo il caso dello golf come uno sbocco perfetto per la pandemia.

Le regole e le linee guida variavano da stato a stato, persino da contea a contea in alcuni luoghi, e cambiavano costantemente. Mentre le restrizioni governative avevano interrotto il gioco del golf nella maggior parte dei luoghi, molti operatori hanno dovuto sostenere comunque i costi per mantenere i greenkeeper ed i vari addetti alla manutenzione necessari a preservare i percorsi.

“Era diverso da qualsiasi cosa avessimo mai visto”, ha affermato Kris Strauss, vicepresidente senior di Troon Golf, che gestisce campi da golf in più di 30 paesi, inclusi più di 40 stati degli USA. “Non credo che potessimo immaginare uno scenario peggiore.”

L’organizzazione We Are Golf ha quindi collaborato per stabilire raccomandazioni per un ritorno sicuro al gioco, un approccio graduale che limitava il contatto e modificava alcune delle pratiche di base del gioco, tra cui l’eliminazione dei rastrelli dei bunker, il divieto di togliere le aste e limitando l’utilizzo dei Golf Car ad una persona.

Lo sport ha così iniziato a riprendere vita. Molti percorsi hanno aperto le prenotazioni per i tee time a maggio e a giugno il PGA Tour è stato il primo circuito sportivo statunitense a tornare.

Forse i dati più incoraggianti per gli analisti del settore sono tutti i nuovi giocatori che hanno scoperto il golf o sono tornati dopo un lungo allontanamento.

La National Golf Foundation stima che il numero di giovani golfisti (di età compresa tra 6 e 17 anni) potrebbe aumentare del 20% (circa 500.000 giocatori) entro la fine dell’anno.

Il numero di giocatori nuovi o di ritorno è aumentato del 20% nella prima metà del 2020.

“Le vendite di attrezzature complete, i set junior e le starter bag per i principianti sono state eccezionali”, ha affermato Tom Stine, partner di Golf Datatech. “In assoluto sono state migliori di quanto non siano mai successo in passato.

Durante il mese di Luglio, le vendite di palline, bastoni, wedge e guanti hanno stabilito il record mensile di tutti i tempi. Poiché molte più persone hanno ripreso il gioco camminando, anche la domanda di scarpe, carrelli e sacche leggere non è mai stata così alta.

Purtroppo però ci sono ancora molte situazioni in sofferenza nel mondo del golf. Kris Strauss ha detto che molti circoli hanno avuto un forte aumento di soci quest’estate e che i percorsi che si rivolgono a una base di giocatori locali stanno andando bene. Ma le proprietà dei resort e di quei circoli il cui business è orientato verso i turisti che percorrono grandi distanze per giocare non stanno ovviamente assistendo a un aumento degli affari, specialmente in luoghi come le Hawaii che richiedono una quarantena di 14 giorni per i visitatori.

McLaughlin, che è anche il presidente di First Tee, l’organizzazione per lo sviluppo giovanile, ha detto che molti giovani giocano con la famiglia, ma l’organizzazione dell’attività giovanile è diminuita del 25-50%. La sfida sarà assicurarsi che i nuovi giocatori continuino, anche dopo che scuole, palestre e altri sport inizieranno ad aprire con le rispettive offerte.

Abbiamo sempre fatto un ottimo lavoro nel coinvolgere le persone. Sfortunatamente, in passato non siamo stati in grado di mantenerle“, ha affermato Zack Veasey, vicepresidente senior di Global Value Commerce, il gigantesco rivenditore online di attrezzature da golf nuove ed usate (GlobalGolf). “Penso che la sfida per noi sarà riuscire ad assicurarci che diventino assidui praticanti.”

Circa il 98% dei percorsi è ora aperto in tutto il paese. Secondo la National Golf Foundation, anche con i pessimi numeri di marzo e aprile, l’industria prevede che entro la fine dell’anno il numero di round giocati potrebbe essere dal 2% al 6 % superiore rispetto ai 441 milioni dello scorso anno.

Le persone stanno giocando a golf per molti motivi che vanno oltre lo spirito di competizione”, ha concluso Whaley. “Penso che quello oggi molti siano meno preoccupati per il risultato e per il loro punteggio. Si divertono a giocare in compagnia e a stare all’aria aperta. Penso che l’emergenza sanitaria abbia davvero aiutato le persone a capire che il golf è davvero divertente, anche se a livello sportivo non è la loro giornata migliore“.

Condividi:

You may also like