Allo Chervò Golf San Vigilio e’ iniziata
la settimana del 77° Open d’Italia

Avatar by

Countdown agli sgoccioli, allo Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (Brescia) è già clima gara. In campo 17 azzurri, tra questi anche il paralimpico Perrino. Cinque i past winner, Kaymer e Westwood tra le star. L’evento, a porte chiuse, sarà trasmesso da Sky Sport e Rai Sport.

17 azzurri in gara, trascinati da Renato Paratore, per un torneo all’insegna anche dell’inclusione sociale, col player paralimpico Tommaso Perrino in campo al fianco dei big. Quindi due ex numeri 1 al mondo, Lee Westwood e Martin Kaymer, e 5 past winner, tra questi Bernd Wiesberger, campione in carica.

Si alza il sipario sul 77° Open d’Italia, tra gli eventi più antichi dell’European Tour – il massimo circuito continentale del golf maschile – in programma da giovedì 22 a domenica 25 ottobre (mercoledì 21 la Pro-Am precederà la contesa) in Lombardia, regione che per la 41ª volta ospiterà l’evento, punta di diamante del Progetto Ryder Cup 2023.

Il countdown è agli sgoccioli. Ancora pochi giorni e prenderà il via uno show attesissimo che vanterà una duplice copertura televisiva: Sky Sport trasmetterà live tutto il torneo mentre Rai Sport manderà in onda una sintesi giornaliera e una diretta dedicata alle fasi salienti dell’ultimo giro.

L’emergenza Coronavirus non ha fermato l’impegno della Federazione Italiana Golf  che è anzi raddoppiato per far sì che la lunga e gloriosa storia dell’Open d’Italia, iniziata nel 1925, andasse avanti. Dal 1971 mai più uno stop. Per una tradizione volta a lanciare anche un messaggio di speranza e sport, giocato in sicurezza (la gara si disputerà a porte chiuse nel rispetto di tutti i protocolli sanitari).

Westwood e Kaymer, due superstar all’Open d’Italia

L’inglese Westwood e il tedesco Kaymer, due campioni di grande carisma ed ex numeri uno mondiali, saranno tra le ‘stelle’ più attese dell’evento. Westwood, 47enne di Workshop, è uno dei pochissimi ad aver vinto su tutti i circuiti più importanti in cinque diversi Continenti (Europa, Nord America, Asia, Africa e Oceania). In bacheca 44 titoli complessivi di cui 25 sull’European Tour – l’ultimo a gennaio nell’Abu Dhabi Championship (Rolex Series) – e due sul PGA Tour. È stato per due volte primo nella money list europea (2000, 2008), per tre volte giocatore dell’anno sul tour continentale (1998, 2000, 2009) e ha disputato dieci Ryder Cup con il Team Europe, vincendone sette. A ottobre 2010 è divenuto numero uno del World Ranking, secondo inglese della storia a riuscirci dopo Nick Faldo con il quale formò una delle più forti coppie in Ryder Cup, ponendo fine al regno di Tiger Woods e rimanendo al vertice per 22 settimane.
Kaymer, 35enne di Dusseldorf, è salito sul tetto del mondo golfistico nel 2011. Nel suo palmares figurano due major, il PGA Championship (2010) e l’US Open (2014) e, al netto di questi, nove successi sull’European Tour e uno sul PGA Tour. Nel 2007 è stato nominato “rookie of the year” continentale e nel 2010 si è imposto nella money list. Ha difeso i colori europei in quattro Ryder Cup, conquistandone tre. Non ha avuto fortuna all’Open d’Italia 2015 quando fu superato dallo svedese Rikard Karlberg al playoff.

Grande attesa per gli azzurri in gara

Saranno 17 gli italiani in gara, tutti ben motivati e con buone prospettive volte ad ottenere un risultato di prestigio. Paratore si è già messo in evidenza con il successo nel British Masters, il secondo posto dopo playoff nel Mauritius Open e il settimo nel prestigioso BMW PGA Championship. Ma anche gli altri azzurri vantano esperienza e qualità. Da Guido Migliozzi a Nino Bertasio – bresciano d’adozione -, da Edoardo Molinari a Francesco Laporta, da Lorenzo Gagli a Lorenzo Scalise, tutti impegnati sull’European Tour. C’è attesa per Matteo Manassero, da poco tornato alla vittoria, e hanno una buona opportunità Aron Zemmer, Enrico Di Nitto, Giulio Castagnara, Filippo Bergamaschi, Stefano Mazzoli, Federico Maccario e Andrea Saracino, così come il giovane dilettante azzurro Andrea Romano.
In un torneo all’insegna dell’inclusione sociale, nel segno del Progetto Ryder Cup 2023 e a testimonianza che il golf è uno sport veramente aperto a tutti, sarà sul tee di partenza Tommaso Perrino, 36enne paralimpico con funzionalità limitate a una gamba, vincitore lo scorso anno al Golf del Ducato di Parma dell’Open d’Italia Disabili e in Finlandia del Finnish Disabled Open, con un secondo posto all’Abierto de Madrid de Golf.

Wiesberger “defender”, l’austriaco insegue uno storico bis

Difenderà il titolo Wiesberger, 35enne di Vienna con sette successi sull’European Tour dei quali due in eventi delle Rolex Series. Nel 2019, all’Olgiata Golf Club di Roma, è stato il primo austriaco a trionfare all’Open d’Italia. E ora avrà l’opportunità di realizzare un’impresa rara del torneo, provando a centrare il back-to-back, ossia imporsi due volte di fila, avvenimento che non si verifica da 73 anni, ossia da quando il belga Flory Van Donck calò il “double” nel 1938 e nel 1947 (dal 1939 al 1946 l’Open non si giocò per la seconda guerra mondiale). Van Donck, scomparso nel 1992, era un vero gentleman del green e ritenne doveroso recarsi a Sanremo, malgrado le difficoltà del dopoguerra, per onorare il titolo, anche se erano passati tanti anni. Tolse ad Aldo Casera, secondo, la soddisfazione di fregiarsi di un alloro che però conquistò l’anno successivo. Il belga imitò il francese Auguste Boyer, che conseguì di fila (1930-1931) al Golf Club Villa d’Este le ultime due delle sue quattro vittorie nel torneo, record che condivide con lo stesso Van Donck.

I past winner e i tanti pretendenti al titolo

Saranno cinque i past winner in gara. Infatti Wiesberger sarà affiancato dal danese Thorbjorn Olesen, campione nel 2018, dallo svedese Karlberg, a segno nel 2015, dal francese Julien Quesne, vincitore nel 2013, e dallo spagnolo Gonzalo Fernández-Castaño, autore di una doppietta (2007-2012). Peraltro Olesen ha un buon feeling con l’Italia poiché nel suo palmarès figura anche il Sicilian Open (2012), così come hanno buoni ricordi della penisola, anche loro nel field, l’iberico Alvaro Quiros, sette titoli nel tour che in Sicilia trionfò nel 2017, e il transalpino Raphael Jacquelin, che inaugurò l’albo d’oro nel 2011. Sei i vincitori stagionali: oltre a Paratore e a Westwood giocheranno gli spagnoli Jorge Campillo e Adrian Otaegui, a segno domenica scorsa nello Scottish Championship, il francese Joel Stalter e lo scozzese Marc Warren. Ma saranno tanti i concorrenti in grado d’impedire il bis a Wiesberger e di aspirare a un ruolo da protagonisti. Tra gli altri ricordiamo alcuni vincitori sull’European Tour quali l’inglese Matt Wallace, in grande spolvero nello Scottish Championship (2°) e che nel 2016, prima dell’arrivo tra i big (quattro i successi), s’è affermato sull’Alps Tour collezionando 6 vittorie, di cui 3 in Italia). E ancora: i connazionali Steven Brown e Jordan Smith, il francese Victor Perez (secondo al BMW PGA Championship), l’olandese Joost Luiten, l’iberico Alejandro Cañizares, il belga Nicolas Colsaerts, il gallese Jamie Donaldson, lo scozzese Scott Jamieson, il sudafricano Dean Burmester e l’australiano Wade Ormsby. Dall’Asia il cinese Ashun Wu (4 titoli) e gli indiani Gaganjeeet Bhullar (1) e Shiv Shankar Prasad (S.S.P.) Chawrasia (4), gli ultimi due in cerca di un successo nel Vecchio Continente poiché fino ad ora hanno vinto solo fuori Europa. Non ha ancora collezionato exploit, ma si è fatto notare con due Top 10 alla prima stagione sul circuito Maverick Antcliff, 27enne australiano di Beaudesert, città natale anche del campione Jason Day, ben deciso a trovare la sua giusta dimensione in Europa, dopo aver dominato nel 2019 sul China Tour, imponendosi in tre gare e nell’ordine di merito.

I partner

Il 77° Open d’Italia, che ha il patrocinio del CONI e della Regione Lombardia, grazie alla collaborazione di Infront, Official Advisor della FIG, ha l’apporto di un pool di qualificati partner: Main Sponsor: DS Automobiles, Rolex. Official Sponsor: Fideuram. Media Partner: Corriere dello Sport, Il Giornale, Tuttosport, RDS 100% Grandi Successi. Official Supplier: Consorzio Lugana D.O.C., Eureco, Gielle, Kappa, San Benedetto, Sharp, Giardini Valle dei Fiori.

Formula di gara

Al torneo parteciperanno 114 concorrenti. Si giocherà sulla distanza di 72 buche, 18 al giorno. Dopo i primi due giri il taglio lascerà in gara i primi 65 classificati e gli eventuali pari merito al 65° posto. Al vincitore andranno 160.650 euro a fronte di un montepremi complessivo di 1 milione di euro.

L’Open d’Italia in televisione con Sky Sport e Rai Sport

Mettetevi comodi perché il 77° Open d’Italia vanterà una duplice copertura televisiva da parte di Sky Sport e Rai Sport.

Di seguito la programmazione prevista:

Sky Sport Arena e streaming su NOW TV (oltre che su Sky Go, anche in HD)

Giovedì 22 ottobre (prima giornata) – dalle 12.30 alle 17.30
Venerdì 23 ottobre (seconda giornata) – dalle 12.30 alle 17.30
Sabato 24 ottobre (terza giornata) – dalle 13 alle 17.30
Domenica 25 ottobre (quarta giornata) – dalle 12 alle 16.30.

Rai Sport

22 ottobre 23:15 – 24:00 differita sintesi 1° giornata
23 ottobre 23:15 – 24:00 differita sintesi 2° giornata
24 ottobre 24:30 – 01:15 differita sintesi 3° giornata
25 ottobre 14:00 – 16:30 diretta 4° giornata e dalle 12.00 in streaming sul sito www.raisport.rai.it .

Norme anti-Covid: la sicurezza come priorità

Tra le priorità di quest’Open d’Italia, la sicurezza di tutti partecipanti all’evento (dai giocatori fino agli addetti ai lavori) è stato il punto centrale di tutta la macchina organizzativa della FIG. Sulla base del protocollo “bolla” stabilito dall’European Tour e nel rispetto delle disposizioni vigenti in ambito nazionale e regionale, verranno osservate tutte le norme per limitare il rischio di contagio da Covid-19.

La quarantunesima volta in Lombardia, cuore pulsante del movimento golfistico

Per la prima volta nella sua storia l’Open d’Italia si giocherà allo Chervò Golf Club San Vigilio. La massima rassegna del golf tricolore torna in Lombardia per la 41ª volta, in una regione che si conferma il cuore pulsante del movimento golfistico italiano con il primato di impianti golfistici (70) e di tesserati (23.700).

Il percorso di gara, per lo Chervò è il debutto all’Open d’Italia

Per la prima volta nella sua storia lo Chervò Golf Club San Vigilio ospiterà la competizione. Il percorso di gara, che sorge attorno ad un’abbazia benedettina del XII secolo, a pochi passi dal Lago di Garda, vanta 36 buche, di cui 9 executive e 27 da campionato, suddivise nei percorsi Benaco, Solferino e San Martino. Opera dell’architetto Kurt Rossknecht, fondato nel 2008, è già stato apprezzato, in queste ore, dai campioni in gara tra ostacoli d’acqua, bunker e fairway contornati da ampi rough.

I trionfi azzurri e le edizioni dell’Open d’Italia

Dal 1925 (anno del sigillo di Francesco Pasquali) al 2020. L’Open d’Italia non s’è giocato nel 1933 e poi dal 1939 al 1946 a causa della seconda guerra mondiale. Così come non è andato in scena dal 1961 al 1970. Tornando assoluto protagonista nel 1971 al Golf Club Garlenda (Savona). Da quel momento, mai più uno stop. Per un torneo che vanta otto vittorie azzurre. Oltre a quella di Pasquali nell’albo d’oro ci sono le imprese di Aldo Casera (1948), Baldovino Dassù (1976) e Massimo Mannelli (1980). Senza dimenticare le doppiette di Ugo Grappasonni (1950 e 1954) e Francesco Molinari (2006 e 2016).

Condividi:

You may also like