I suggerimenti di Michele Rigone
Colpi in pillole: il punch

Avatar by

Si sente spesso parlare di punch shot, soprattutto dai commentatori in TV o dai buoni giocatori.
In realtà è un colpo i cui principi, presi alla lettera, possono essere applicati un pò da tutti con efficacia!
Prima di tutto parliamo di un colpo con traiettoria più bassa del solito, spesso sfruttato nel vento, ma anche utile per coprire le “mezze distanze”, ovvero quelle a cavallo tra un bastone e l’altro piuttosto che “sfondarsi la schiena” nel tirare un colpo forzato e scomposto per raggiungere distanze improbabili in condizioni limite.
L’aspetto chiave di questo colpo controllato è la velocità della testa del bastone e di conseguenza della palla.

Come eseguire un punch efficace?

1 – Abbassiamo il ritmo del nostro swing: il timing diventa un aspetto fondamentale
2 – Impugniamo il bastone più corto: riducendo la leva avremo un maggior controllo della testa del bastone e una diversa percezione (swing weight) del bastone stesso nello spazio
3 – Arretriamo leggermente la palla più sul piede destro nello stance per ridurre il loft dinamico
4 – Riduciamo la lunghezza dell backswing, e dello swing in generale, (4/5, 3/4 o 1/2 a seconda delle necessità) limitando anche il caricamento dei polsi per ridurre backspin e il rilascio all’impatto.
5 – Spostiamo leggermente il peso sulla gamba sinistra già nel set up cercando di non tornare sul destro eseguendo lo swing
6 – Riduciamo la lunghezza del nostro finish: il bastone si fermerà subito dopo il Follow Through

Sommando questi piccoli accorgimenti otterremo un impatto più solido, un loft dinamico minore, meno spin, una traiettoria più bassa e maggior controllo di distanza e direzione.
Tutto questo impone però di utilizzare un bastone (o due) più lunghi del solito.

Clicca sull’immagine qui sotto per visitare la sezione dedicata e scoprire gli altri contenuti.

Condividi:

You may also like