Il putting
#3 Vedere la linea

Paolo Spada by

Ci sono moltissime tecniche per capire le pendenze dei green, molti golfisti guardano da due angolature (dietro e davanti alla palla), altri usano le gambe e il corpo per capire dove c’è una pendenza.

La velocità di gioco è un elemento fondamentale e se vogliamo finire le gare in massimo 5 ore, non possiamo metterci 5 minuti di analisi prima di ogni colpo.

Questa mia affermazione, più che da Mental Coach è da giocatore, ma in realtà c’è anche un importante aspetto mentale dietro a questa considerazione: più ci dilunghiamo e più ci vengono dubbi – più ci irrigidiamo e meno saremo determinati nell’eseguire il colpo.

Oltre a metterci molti dubbi, la nostra mente scarica la tensione negli occhi stessi, che vedendo colori distorti vanno in sofferenza.
Sappiamo bene che il colore del green spesso ci indica la pendenza e la velocità, ma se continuiamo a osservare in maniera ossessiva una parte del green, il nostro occhio si sforzerà troppo, e nelle calde giornate estive ancor di più…

Certamente il mio consiglio non è quello di andare sulla palla e tirare subito senza un minimo di analisi e di valutazione, dobbiamo guardare il terreno e sapere la sua velocità, cercare di visualizzare un binario che parte dalla nostra palla e termina dentro la buca (come nei videogiochi), è un metodo molto efficiente per la nostra mente, che spesso in maniera inconscia non distingue la visualizzazione dalla realtà.

Per allenare la visualizzazione della linea io faccio fare molti esercizi sul putting green di pratica, uno dei più stimolanti è quello di farlo al contrario, ovvero guardare la buca immaginare un binario che viene verso di noi e poi posizionare la palla in un punto di questo binario immaginario, una volta messa la palla a terra e conooscedndo già la linea, si tirerà immediatamente senza dare il tempo al cervello di intervenire mettendoci in confusione con i soliti dubbi, di forza, linea e pendenza…

Appuntamento alla settimana prossima con un’altra pillola interessante, ma se vuoi leggere gli altri articoli visita la sezione qui su Wegolfers.

Condividi:

You may also like